Cronistoria

Last update of this page 17.3.2020

Storia del cinema amatoriale (non commerciale) nel Luganese ed in i Svizzera

1931   Club Cine dilettanti Lugano

Il Foto Club Lugano nasce nel 1931 con la denominazione Club Cine dilettanti Lugano. Fra i soci fondatori ricordiamo Angelo Camponovo (nella cui osteria era la sede), Hana Wullschleger, Piero VolontèLucia Bernasconi-Magneret Vincenzo Vicari.  Associatisi in un secondo tempo il dottor Amilcare Brivio e l'architetto Gastone Cambin, essi saranno i fautori di quella rinascita che seguirà alla pausa degli anni ‘50 ed anche i primi presidenti.

Nel neonato Club l’interesse era soprattutto centrato sulla cinematografia, a quel tempo rappresentata dal costoso 16 mm. Solo successivamente e forse anche grazie all’affermarsi delle Leica e del più economico formato 35 mm la fotografia prese il sopravvento. Si parlava ancora rigorosamente di pellicole in bianco e nero che i soci avevano la possibilità di sviluppare e stampare nella camera oscura attrezzata nella sede del Club, quella sede che negli anni ’50 venne a mancare causando un periodo di forzata inattività.

 

1967    Associazione Luganese Foto Cine Dilettanti Lugano
Finalmente il 14 febbraio 1967 nello studio fotografico di Vincenzo Vicari un gruppo di vecchi soci ed alcuni nuovi rifondarono il Club con la denominazione Associazione Luganese Foto Cine Dilettanti, ereditando le attrezzature del precedente Club e 496.60 franchi di residuo cassa.
Il 26 aprile 1967 si costituì ufficialmente la prima assemblea con la nomina del comitato cosi composto: presidente Amilcare Brivio, vice-presidente Fabio Forni, direttore tecnico Floriano Egger, consigliera Lucia Bernasconi. A fine anno, da 35, i soci aumentarono a 52 e negli anni seguenti si arrivarono ad oltre 100. Anche se la nuova denominazione manteneva ancora la parola Cine, l’attività principale del Club stava divenendo ormai sempre più la fotografia.

 

1984   CiAC - Cine Amatori Ceresio Lugano
Soltanto pochi soci continuavano a praticare in modo impegnato la cinematografia fino a che, nel 1984, si divisero dal gruppo principale fondando con Rolf Leuenberger il CiAC (Cineamatori Ceresio) che ottenne (e ottiene) lusinghieri successi con film semi-professionali ...

 Fonte: www.fotoclublugano.com

2014   VAL - Video Amatori Lamone / Cadempino

Loro vogliono promuovere un nuovo modo di fare cinema amatoriale. La sede è a Lamone in una moderna sala multimediale.

E' stato restaurato un'antica sala cinematografica nonché teatro "Cimino" ed allestito con le più moderne tecnologie multimediali e dove organizzeranno incontri e serate a tema cinematografico.

2010


L'ultima volta a Spiez - Il 75° festival nazionale swiss.movie

... dove nasce l'idea di preservare il materiale usato dei cine amatori/dilletanti.

Di gran lunga il più antico festival cinematografico della Svizzera,
Il festival swiss.film si svolge da 21 anni nell'incantevole cittadina di Spiez sul lago di Thun.
Ecco un panorama di un evento che vale la pena conoscere, con il suo capo Rolf Leuenberger.

Spiez - Dal 22/05 al 24/05

 

- Ci può raccontare la storia di questo festival?
Per rafforzare i legami tra i membri e i comitati dei diversi club, i delegati dei club di Ginevra (fondato nel 1927), Losanna, Zurigo, Basilea (fondato nel 1933) e Berna (fondato nel 1934) si sono riuniti nella città federale, su iniziativa, presa nel 1934 dal club di Losanna, per gettare le basi di una federazione svizzera. Fu il 6 luglio 1935, sotto la presidenza di Jacques Boolsky, membro dei club di Ginevra e Losanna, che la F.S.C.A. (Federazione svizzera dei club cinematografici amatoriali) è stata fondata. Nel novembre dello stesso anno si è svolto a Berna il primo concorso nazionale organizzato dalla F.S.C.A., ora ribattezzato swiss.film. Dieci anni dopo, la federazione conta già 18 club con un totale di 733 membri. Fino al 1989, il Festival nazionale si svolgeva ogni anno in una città diversa della Svizzera. Werner Stalder ha poi presieduto il "Swiss Film and Video Festival Spiez" (più tardi anche a Thun) dal 1990 al 2008.

 Nel 2009 l'assemblea dei delegati di swiss.film ha accettato la proposta del comitato centrale di sciogliere il festival a favore di un "swiss.film Festival", ancora una volta dedicato esclusivamente ai film dell'associazione. La "Palette suisse d'auteurs" e i programmi speciali sono riuniti in una nuova organizzazione sotto la guida di Werner Stalder. L'evento si terrà a settembre a Thun sotto il nome di "FILMFESTIVAL Lake Thun".

- Da quanto tempo fa parte dell'organizzazione?
Questo è il secondo festival nazionale che organizzo e dirigo come direttore. Dall'inizio del "Film and Video Festival di Spiez" nel 1990 sono stato attivo in diverse funzioni: membro della giuria del concorso swiss.film, membro del comitato di selezione, direttore, moderatore, ecc.

- Che tipo di film ricevete?
Il festival di swiss.film è riservato esclusivamente ai film selezionati in primavera nei quattro festival regionali, ai film che rappresentano le Giornate della gioventù di Zurigo e ai film di "un minuto" dei membri di swiss.film. Le categorie sono documentario, reportage, fiction, film di finzione, film libero/animazione/sperimentale, giovani (registi dai 25 anni in su), One Minute Movie Cup (cortometraggi molto brevi fino a 60 secondi).

- Quali sono i vostri criteri di selezione per i film?
Gli autori devono essere registrati presso un membro del club della Federazione o essere affiliati come membri individuali a swiss.film. I club organizzano annualmente concorsi interni e i migliori film sono delegati a uno dei festival regionali (Svizzera romanda, Svizzera centrale, Svizzera orientale e Ticino). I film sono giudicati nelle loro regioni da quattro diverse giurie. I film di punta sono qualificati per il festival del cinema di swiss.film.

- Ricevete film da tutta la Svizzera?
Il cinema amatoriale vive grazie a tutti i film realizzati con passione nelle quattro regioni linguistiche e in ogni angolo della Svizzera, come nel 2010 da Bassecourt, Berna, Courgenay, Delémont, Dietikon, Ginevra, Givisiez, Losanna, Lugano, Moutier, Olten, Sciaffusa, Thun, Uster, Yverdon, Zurigo e altri.

- Tutti riescono a comunicare nonostante la barriera linguistica?
La lingua è un problema universale, e il linguaggio cinematografico è una soluzione meravigliosa per farsi capire ovunque, soprattutto quando non si parla la lingua dell'altra persona. Personalmente, avevo scelto di fare film a 18 anni perché mi era difficile esprimermi a parole. Così ho iniziato a fare film senza parole o a girare canzoni che oggi chiamiamo video musicali. Ora, probabilmente grazie al cinema amatoriale che faccio da 40 anni, ho amici in tutto il mondo, parlo almeno quattro lingue e a volte parlo anche con i sassi (ride).

- Perché avete scelto Spiez per ospitare swiss.film?
Cercavamo una città nel "centro della Svizzera" con il giusto patrimonio per ospitare un festival nazionale. Spiez con la sua magnifica posizione in una baia sul lago di Thun, il suo perfetto collegamento con le FFS e le autostrade e i suoi 12.000 abitanti è stata la scelta perfetta.
La qualità delle infrastrutture del cinema Movie World, così come le attrezzature tecniche fornite (e le comode poltrone!) permettono agli spettatori di ammirare appieno le opere proiettate. Questo ambiente speciale e piacevole favorisce i legami amichevoli tra gli autori presenti e i partecipanti provenienti da tutte le parti della Svizzera.

 - Come si svolgerà questa 75a edizione?
Il festival swiss.film sarà proiettato su grande schermo nel cinema Movie World Spiez per tre giorni dalle 9 del mattino fino a sera. Il piatto forte è sicuramente il concorso principale del sabato e della domenica con 44 film che si sfidano in un'amichevole battaglia per le medaglie d'oro, d'argento e di bronzo".
Dopo la proiezione alle 17.45 si svolge la discussione pubblica della giuria, seguita dall'aperitivo offerto. La sera, a partire dalle 20.45, ci lasciamo sedurre dagli inizi del cinema amatoriale. I pionieri presenti ci accompagneranno in questa epoca attraverso i loro film e aneddoti. Vengono annunciati anche gli amici di Edith Piaf e del clown Grogg. Il tema sarà : FILM & CHIACCHIERE & DIVERTIMENTO. Lunedì mattina alle 9 proietteremo i film d'animazione prodotti tra il 1968 e il 2009. Alle 11 del mattino la presentazione del 72° concorso mondiale UNICA 2010, che quest'anno si terrà dal 28 agosto al 4 settembre a Einsiedeln, in Svizzera, sarà seguita dalla "One Minute Movie Cup". Tredici cortometraggi di 60 secondi o meno si sfideranno in duello arbitrato dal pubblico, secondo la formula della coppa, fino alla finale. Alle 14.00 la grande finale con l'orario dello spettacolo e la cerimonia di premiazione.

- Cosa rende questo festival speciale per voi rispetto ad altri?
Prima di tutto, siamo sicuramente il più antico festival dedicato al cinema svizzero. Poi, il nostro lato transgenerazionale (gli autori e il pubblico hanno tra i 16 e i 92 anni!), l'infrastruttura di alta qualità (il cinema Movie World in testa), il nostro completo autofinanziamento (nessun sussidio di alcun tipo) e soprattutto il suo costo: l'ingresso è gratuito durante i tre giorni e, come bonus, vengono offerti al pubblico tre aperitivi!

 

Yamine Guettari - Daily movies - Festival swissmovie, 20 maggio 2010

2010 - 75° Festival del cinema svizzero

Per la 75a volta, i dilettanti del cinema svizzero competono per i premi a Pentecoste


Nel fine settimana di Pentecoste si terrà a Spiez, nell'Oberland bernese, per la 75a volta, un concorso nazionale di dilettanti del cinema svizzero. La manifestazione, oggi denominata "swiss.movie", è, secondo gli organizzatori, il più antico festival cinematografico dedicato al cinema svizzero.

BZ - Pubblicato il 01 maggio 2010
 
Nel 1935 si tenne a Berna la prima competizione nazionale della Federazione dei dilettanti del cinema svizzero, dopo di che i club cinematografici tennero ogni anno il concorso in qualche parte della Svizzera. Spiez è ormai da 21 anni il luogo in cui si svolge il concorso - l'Associazione dei cineasti dilettanti svizzeri, come si chiama oggi, ha voluto dare un'identità al concorso, così come "Solothurn" è per il cinema professionale.
 
Spiez ospita oggi circa 100 opere di membri di circa 45 club cinematografici in tutta la Svizzera e nel Liechtenstein, in cui sono attivi circa 1200 cineasti. Hanno potuto iscrivere le loro opere per "Spiez" a quattro concorsi regionali, i quattro migliori lavori di ogni categoria sono stati esposti in diverse categorie a Pentecoste.
 
Come novità, anche quest'anno verranno assegnate medaglie a Spiez, come gli organizzatori hanno annunciato ai media a Spiez sabato. Ci sarà anche un programma speciale per il 75° anniversario. Saranno proiettati anche i migliori film del Festival del cinema giovanile di Zurigo.
 
Secondo il direttore del festival Rolf Leuenberger, diversi cineasti svizzeri professionisti hanno mosso i primi passi nel programma "swiss.film", tra cui Bettina Oberli, Stefan Muggli, Mario Cortesi e Michael Steiner.

Un tocco di Hollywood a Spiez


Il festival del cinema Swiss.film si svolge a Spiez da 21 anni. Tuttavia, l'evento in quanto tale sta già festeggiando il suo 75° anniversario. Dal 22 al 24 maggio, oltre 50 cineasti proietteranno i loro bijoux nel cinema Spiez Movie World.

Nik Sarbach - Pubblicato il 03 maggio 2010

Pronti per il festival: l'apprendista Eliane Gerber e il direttore del festival Rolf Leuenberger (ultima fila) e le tre persone di Thun, Marco Hunkeler, Sandro Rossi e Dominik Dällenbach (da sinistra a destra), che arricchiscono il festival con il loro film, per il quale hanno ricevuto il Premio del cinema giovanile svizzero.

Pronti per il festival: l'apprendista Eliane Gerber e il direttore del festival Rolf Leuenberger (ultima fila) e le tre persone di Thun Marco Hunkeler, Sandro Rossi e Dominik Dällenbach (da sinistra a destra), che arricchiscono il festival con il loro film, per il quale hanno ricevuto il Premio del cinema giovanile svizzero.
 
Sono passati 75 anni da quando i club cinematografici delle più grandi città svizzere si sono uniti per formare il "Bund Schweizerischer Filmamateure" (Federazione svizzera dei cinefili dilettanti) e hanno creato il "concorso nazionale di cinema amatoriale". Nel frattempo, molti chilometri di materiale cinematografico hanno superato in fretta le lenti di proiezione, molte ore di montaggio e diverse innovazioni hanno messo sottosopra il mondo del cinema più volte. Ma il festival esiste ancora. Sotto il nome di Swiss.film, si svolgerà per la 75a volta su Whitsuntide e per la 7a volta al Movie World Spiez.

Gli obiettivi nel 1945
La pubblicazione giubilare del 1945 afferma il nobile obiettivo del "Bund Schweizerischer Filmamateure": "Ciò che vogliamo è l'opportunità unica del dilettante: la ricerca della grandezza, di qualcosa di nuovo, della libertà di espressione e del design tecnico e artistico". Anche se oggi la si potrebbe esprimere in modo un po' diverso, la missione del festival è rimasta la stessa. Il festival intende fornire una piattaforma per i cineasti non professionisti per presentare il loro lavoro al pubblico. Chi si qualifica a uno dei quattro festival regionali o alle Giornate del cinema giovanile può partecipare al festival nazionale di Spiez. Quest'anno in concorso dal 22 al 24 maggio saranno proiettati 44 cortometraggi e 13 film di un minuto.

Discussione pubblica della giuria
Il Festival Swiss.film si articola in cinque categorie: documentario, reportage, lungometraggio, giovani e categoria libera. In una discussione pubblica, la giuria composta da sette membri seleziona i film vincitori di ogni categoria. Queste sono ora premiate con medaglie. "Per noi è molto importante che la discussione della giuria si svolga in pubblico", spiega il direttore del festival Rolf Leuenberger. "Questo dà ai cineasti la possibilità di spiegarsi se si sentono fraintesi, e tutti possono imparare qualcosa dalle critiche della giuria allo stesso tempo".

Puro Festival Dilettantistico
Il festival si posiziona chiaramente come un festival amatoriale. "Dilettante significa semplicemente che i cineasti non esercitano la loro professione a tempo pieno", osserva Leuenberger. Poiché i partecipanti fanno tutto per la gioia del cinema, non si aspettano alcun ritorno economico. "Di conseguenza, l'ingresso alle proiezioni è gratuito". Con il suo focus sulle produzioni amatoriali nazionali, il festival del cinema Swiss.film si distingue dal Lake Thun Film Festival, che si è tenuto lo scorso settembre per la prima volta come evento indipendente sotto la direzione di Werner Stalder.

Nessuna questione di età
Il festival swiss.film è accompagnato da un colorato programma di sostegno. Durante tutti i giorni del festival saranno proiettate opere di pionieri del cinema svizzero. "Il nostro partecipante più anziano ha 92 anni", rivela Leuenberger. "Avrà molto da raccontare dei primi giorni del cinema amatoriale". A proposito: i registi più giovani hanno 15 anni e sono i vincitori del Premio svizzero per il cinema giovanile. "L'età dei partecipanti abbraccia quindi quattro generazioni", dice il direttore del festival non senza orgoglio. E così: Rotolo di pellicola!

Medaglia per i registi

 

Nel fine settimana si è svolto a Spiez il 75° Festival del cinema amatoriale svizzero.

L'evento finale è stata la cerimonia di premiazione.

BZ - Pubblicato il 26 maggio 2010
 
Gli organizzatori sotto la direzione di Rolf Leuenberger sono rimasti soddisfatti dell'edizione anniversario del festival del cinema Swiss.film. Il numero di visitatori era all'interno del solito range, si è detto: "Il bel tempo può aver impedito ad alcune persone di visitare spontaneamente il festival, ma i partecipanti al festival erano comunque presenti", ha commentato il padrone di casa Markus Balmer di Movieworld Spiez sulle condizioni climatiche, che sono generalmente piuttosto sfavorevoli per il cinema.

 

Premi in 5 categorie Il momento culminante del festival è stata la cerimonia di premiazione, che si è svolta lunedì. La cerimonia di premiazione è stata accompagnata da canti del giurato Margrit Pfister. In cinque categorie, la giuria ha assegnato fino a tre medaglie a sua discrezione. Inoltre, c'erano ora fino a quattro premi speciali da vincere. Nessuna medaglia d'oro è stata assegnata nella cosiddetta categoria libera. Il film "Casanova" di Ruedi Zumstein ha ricevuto l'argento, e quindi il più alto riconoscimento in questa categoria. Il premio speciale "Idea e originalità" è andato all'opera "Un nonno e una nonna" di Nicola Albergati. Nella categoria "lungometraggio" il film "Schräge Vögel" di Walter Fischer ha vinto la medaglia d'argento. Neanche in questa categoria è stata assegnata una medaglia d'oro. Il premio speciale Prix courage è andato a Hüssein Abbasi per il suo film "Le lettere". Nella categoria "Reportage" ha prevalso il film "Hachiman Matsuri - Harvest Festival" di Karl Bach, premiato con una medaglia d'oro. "La Rosa" di Laurin Buser ha brillato nella categoria "Gioventù". Anche l'oro è stato premiato qui. Sandro Rossi e il suo team hanno vinto il premio speciale "Camera and Image Design" per il "ragazzo timido". Nella categoria "Documentario" la giuria ha scelto il film "Maurice Maggi - Anarchico floreale" di Roland Achini e ha assegnato l'oro al regista amatoriale. Chi va all'Unica1? I partecipanti al festival sono stati particolarmente entusiasti dell'annuncio della selezione dei partecipanti a Unica10, il "World Festival of Independent Filmmakers", che si terrà quest'estate a Einsiedeln. Qui la giuria ha scelto i film "Maurice Maggi - Anarchico floreale", "500 grammi di vita quotidiana", "Arrêt Pipi!", "Casanova" e "Lettere alla mamma".

Niklaus Sarbach

Inaugurazione 2015

Atto primo

Sabato, 14 marzo 2015, alle ore 17:00 presso il ristorante I Grappoli, via Grappoli, Sessa

1945 - il boom dei film 8 mm e super 8, un’esposizione di cineprese, proiettori e filmati in occasione del cinquantesimo anniversario del formato "Super 8".

Atto secondo

Domenica, 29 marzo 2015, alle ore 18:00 presso il Piccolo Museo, Piazza Bonazaglio 1, Sessa
1923 - i pionieri cineamatori del 9.5 mm, un’esposizione di cineprese, proiettori e filmati utilizzati dai “sciuroni” cinedilettanti della prima ora (per esempio Pathé Baby).

Atto terzo

Gli spazi espositivi e d’incontro saranno aperti dal 27.3.-31.10.2015 ogni sabato e domenica oppure su appuntamento

Sabato 28 marzo 2015, ore 16:00 - 18:00 / Domenica 29 marzo, ore 16:00 - 18:00
Apertura stagionale dell'esposizione cineprese, proiettori e filmati nel Piccolo Museo di Sessa.
In un salotto tipico di una famiglia benestante degli anni venti/trenta sono esposti oggetti 
delle ditte famose come Agfa, Bell & Howell, Kodak e Pathé che hanno segnato la storia del cinema.

Venerdì 24 marzo 2017, ore 21:00

La storia del cinema muto a cura di Nikita Merlini - Un'introduzione storica per conoscere l'era del cinema muto, documentata con brevi estratti di film. Un dibattito tra i presenti terminerà la serata.

 

Sabato 25 marzo 2017, ore 16:30

Arte & Artisti – in presenza di alcuni artisti - Filmati dedicati ad artisti, girati tra Magliaso (Hans Kammermann), le Isole di Brissago (Manuela Petraglio), Ginevra (Renée Furrer) e les Seychelles (Filippin).
ore 21:00

The best of UNICA a cura di Rolf Leuenberger - Proiezioni dei migliori cortometraggi realizzati da autori di tutto il mondo nell’ambito dei concorsi annuali dell’Union International du cinéma UNICA.

Domenica 26 marzo 2017, ore 16:30
Filmati in Super8 realizzati negli anni Ottanta dagli allievi e il docente della scuola media. L’inizio della carriera per personaggi oggi “famosi”, con il seguente programma:
“I musicanti di New York“, film super8, durata 25 min., allievi e prof. Carlo Anselmini, Scuola media Canobbio
“Carotolina”, film super8, durata 25 min., allievi e prof. Carlo Anselmini, Scuola media Tesserete
“La prudenza non è mai troppa”, film super8, durata 18 min.,  allievi e prof. Carlo Anselmini, Scuola media Tesserete

Sabato, 6 maggio 2017 alle ore 18:00,
si è tenuto presso il ristorante albergo I Grappoli 6997 Sessa l'inaugurazione dell'esposizione "Beaulieu - La vita di Willy Studer", in presenza dei familiari di Willy Studer, morto tre anni fa all'età di novantadue anni, curato da Rolf Leuenberger e Nikita Merlini dell'Amateur Film Atelier di Sessa. Un’esposizione che introduceva alla storia del cinema fai-da-te, con una vasta gamma di cineprese, proiettori e altri apparecchi che hanno fatto la storia, oltre che a proporre in esclusiva la collezione dell’ultimo specialista svizzero del celebre marchio francese. Orario: sabato e domenica 14:00-19:00, entrata libera. L'esposione è rimasta aperta fino al 22 ottobre 2017.

2015


"Sala Quercia" nel albergo ristorante i Grappoli a Sessa

14.03.2015 - Discorsi inaugurali di Juri Clericetti e Rolf Leuenberger

Cine Espo: "Materiale cinema amatoriale degli anni 1943-1987"

"Il Salotto" presso il Piccolo Museo di Sessa e Monteggio dal 2015 al 2016

2015-2016 Cine Expo: "Materiale cinema amatoriale degli anni 1923-1943"

Vetrina AFA-Sessa, Piazza Cav. G. Rossi, Sessa

Vetrina AFA-Sessa, Via Domenico Trezzini, Astano

Garage Cine Party - 9.5.2015